Gambolò: mercato vietato ai cani, ma c'è chi protesta

Questa mattina la manifestazione dal Castello fino a piazza colonnello Bellazzi

In Comune è stata depositata una petizione in cui si chiede la realizzazione di un'area cani.


Hanno sfilato in corteo dal Castello Litta fino a piazza colonnello Bellazzi, sede del mercato, per protestare contro il regolamento di polizia che impedisce agli amici a quattro zampe di passeggiare tra i banchi. «Siamo residenti, paghiamo le tasse ma "noi" non possiamo entrare» era scritto su uno dei cartelli dei manifestanti, in tutto una ventina di persone e nove cani, che si sono fermati nel parcheggio della piazza, senza avvicinarsi al mercato. Qui erano presenti alcuni agenti della polizia locale, pronti a far rispettare il regolamento. «Non capisco – ha spiegato il vicesindaco Antonello Galiani – tutto questo accanimento contro l'amministrazione. Si tratta di una norma che era già presente e che è supportata anche da circolari del Ministero della Salute. Non abbiamo nulla contro i cani, anzi. La realizzazione di un'area cani è un punto del nostro programma sul quale stiamo già lavorando. Abbiamo individuato uno spazio di oltre 4.800 metri quadri che sarebbe perfetto per far sgambettare i nostri amici a quattro zampe. Presto ci saranno novità». Questa mattina, prima che i manifestanti arrivassero in piazza colonnello Bellazzi, gli agenti hanno notato tra i banchi del mercato un signore con un cane al guinzaglio. Nessuna sanzione per il padrone, che è stato semplicemente invitato a lasciare il mercato.

(Per sfogliare la gallery, cliccare sulla foto)

@L'INFORMATORE - ilaria.dainesi@ievve.com



Altre notizie di Attualità
Versione Digitale
ULTIMA USCITA
10.8.2017

ABBONATI